Codice Prodotto: SCA

Disponibilità:In Stock

Prezzo: 0,80€
Prezzo senza iva: 0,77€

Peso

½ Kg  

Notizie in breve

Nome scientifico: Cichorium endivia L., facente parte della famiglia delle Asteraceae Nome comune:Indivia, Riccia, Scarola

L’indivia è una pianta tipica delle regioni mediterranee. Alcune fonti collegano il nome “endivia” con una probabile origine indiana dell’ortaggio. Nell’antica Roma era indicata con il termine intybus; fu poi Linneo ad attribuire il nome di specie Intybus alla cicoria. Successivamente le indivie furono ricomprese nella specie C. endivia
 

Come viene utilizzato

L'indivia può essere cucinata soltanto dopo un'accurata pulizia. Alcune ricette prevedono la separazione delle foglie, altre che i cespi siano mantenuti interi. Nel secondo caso le foglie devono essere allargate affinché nel lavaggio l'acqua raggiunga la zona in cui si concentrano i residui di terra, cioè la base del cespo. Quest'ultima va privata della parte terminale, ma non completamenteeliminata poiché conferisce all'ortaggio il caratteristico saporeamarognolo. La riccia può essere consumata sia cruda in insalata checotta senza essere sottoposta a sbollentatura o cottura preliminare. Lericette che prevedono l'utilizzo di indivia riccia cotta sono tipichedel Lazio. La scarola si consuma prevalentemente cotta, imbottita comearricchimento della pizza, ed è assai frequente nella cucina campana.

Curiosità

Apprezzata fin dall’antichità per le sue proprietà toniche, depurative e diuretiche, in Italia ha trovato terreni adatti alla sue necessità di crescita. Nella zona attorno a Bassano del Grappa la coltivazione di questo ortaggio vanta una tradizione centenaria, infatti il microclima mite e ventilato del posto e i terreni dotati di buona permeabilità e presenza di sostanza organica ne hanno favorito la coltura.

Proprietà terapeutiche

Verdura leggera e rinfrescante (circa il 95% d’acqua) l’indivia apporta pochissime calorie. Contiene in media il 2,7% di fibre tenere, composte soprattutto da cellulosa ed emicellulosa, che danno all’indivia la sua consistenza soda e croccante. La sua concentrazione di vitamina C e vitamina B9 è molto elevata: se si consumano 100 kcal d’indivia sulle 2.300 di cui si ha bisogno ogni giorno, si copre circa il 100 % del fabbisogno di vitamina C e di fibre e quasi tre volte il fabbisogno di vitamina B9.

Ricetta del giorno

Frittatine per brodo alla “Olghette”

Ingredienti: uova, cipolla, fegatini di pollo, indivia, parmigiano, sale e olio

Preparazione: sbollentare l’indivia già mondata, cuocere a fuoco lento in una padella con olio e cipolla i fegatini di pollo, sbattere le uova salando e aggiungere i fegatini, l’indivia cotta tritata e il parmigiano, fare una frittata e tagliarla a dadini.

Mettere i dadini di frittata nel piatto e aggiungere il brodo caldo e parmigiano q.b..