Codice Prodotto: SED

Disponibilità:In Stock

Prezzo: 0,54€
Prezzo senza iva: 0,52€

Peso

½ Kg  

Notizie in breve

Il sedano (Apium graveolens L.) è una specie erbacea tipicamente biennale ma spesso coltivata a ciclo annuale appartenente alla famiglia delle Apiaceae, originaria della zona mediterranea e conosciuto come pianta medicinale fin dai tempi dell’antica Roma. Il ciclo della pianta è di 6-7 mesi. Le varietà più utilizzate in cucina sono il "sedano da costa" (Apium graveolens var.dulce) di cui si utilizzano i piccioli fogliari,  il “sedano da taglio”, dall’ aroma forte ed intenso di cui si utilizzano le foglie, il "sedano rapa" (Apium graveolens var.rapaceum) di cui si consuma la radice. In termini botanici, cresce spontaneamente nei luoghi erbosi e paludosi, e può raggiungere anche altezze pari a 80-90 centimetri, in base alla varietà.

Curiosità

Un tempo, si riteneva il sedano un ortaggio dalle molte proprietà e già dal Medioevo il sedano veniva impiegato come mezzo contro la malinconia e per la cura delle ferite aperte, utilizzato persino come afrodisiaco ed espediente per eccitare i sensi. Il sedano è utilizzato da sempre anche come diuretico, digestivo e rimedio naturale contro i crampi. Anticamente si credeva che mettere fra i capelli ad una donna incinta un gambo di sedano fosse un metodo infallibile per conoscere il sesso del bambino: se il primo nome che pronunciava era maschile, il nascituro era maschio, diversamente sarebbe nata una femmina.

Proprietà terapeutiche

Il sedano per la presenza di alcune proteine allergizzanti (Api g 1 Api g 4Api g 5), può essere causa di allergia alimentare, ha poche calorie (solo 20 in 100 grammi), tanta acqua, potassio e vitamina A, a vantaggio della leggerezza e del regime dietetico,  uno degli alimenti più apprezzati nelle diete. Le fibre di cui il sedano è ricco,aiutano a ridurre trigliceridi e colesterolo, la sedanina, una sostanza aromatica stimolante e altre molecole (fenolo, mannite, inositolo) ne potenziano le capacità digestive e di assorbimento dei gas nell’apparato digerente, i ftalidi permettono di controllare gli ormoni che regolano la pressione del sangue e lo rendono adatto nel trattamento di molti casi di ipertensione. Consumato crudo, fresco o in succo, anche sotto forma di centrifugato il sedano contrasta la ritenzione idrica e . stimola l’attività delle ghiandole surrenali e sessuali, grazie alla presenza degli ormoni steroidi.

Indicazioni all’uso

Il sedano è una pianta biennale assai diffusa, sia coltivata che spontanea, ampliamente sfruttato in cucina, per il suo particolare aroma e per la capacità di coprire sapori e odori poco gradevoli, ma viene anche consumato crudo, in pinzimonio ed in insalate, utilizzato persino in ambito fitoterapico, erboristico e cosmetico. Per conservarne inalterate le caratteristiche di sapore e le proprietà vitaminiche è sempre preferibile cuocere il sedano a vapore o stufato, anche se, grazie alla sua digeribilità, sarebbe consigliabile mangiarlo crudo prima dei pasti o aggiungerlo a insalate e pinzimonio. Ideale è consumarlo entro 4-5 giorni, periodo nel quale mantiene intatte tutte le proprietà nutrizionali.

Ricetta del giorno

Risotto al sedano e gongorzola

Ingredienti per 4 persone

100 g Gorgonzola Cremoso qb Noce Moscata 300 g Pera 300 g Riso qb Sale 2 n Scalogno 3 n Sedano Coste
1 bi Vino Bianco 1 l Brodo Vegetale 20 g Burro
Sbucciare gli scalogni e tritarli fini, tenendo da parte una pera mentre occorre  pelare le altre pere e tagliarle a dadini. Eliminare i filamenti alla costola di sedano e tagliarla a tocchetti. Sciogliere il burro in una casseruola, unire gli scalogni e il sedano e fare soffriggere per 3-4 minuti, aggiungere le pere a dadini e rosolarle per circa un minuto. Aggiungere il riso, lasciarlo tostare nel condimento, bagnare con il vino bianco e farlo evaporare; portare a cottura il risotto unendo il brodo bollente, poco alla volta, e, quando e quasi pronto, toglierlo dal fuoco e aggiungere il gorgonzola a tocchetti. Mescolare fino a quando il formaggio si e sciolto, regolare di sale, lasciare riposare per un minuto e suddividere il risotto nei piatti. Decorare il risotto con la pera tenuta da parte, lavata, asciugata, tagliata a meta e poi a fettine. Profumare con un pizzico di noce moscata e servire.